L’orrore è figlio del potere

Ennesima strage di innocenti. Tutti i media sono pieni di commenti e di pareri più o meno autorevoli e competenti sulla strage di Bruxelles, come è stato per Parigi e per tutte le stragi a partire dall’11 settembre. Dopo un attentato tutti sono pronti a dissertare sulle cause e sui possibili rimedi. I terroristi sono bene addestrati, senza scrupoli, votati alla causa della morte in nome di un nulla definito con un altro nome; ma sono soltanto la punta dell’iceberg. Chi finanzia e protegge questi terroristi non si sporca le mani; tutti noi (?) sappiamo quali paesi forniscono all’Isis e alle altre organizzazioni terroristiche in competizione tra loro per il potere, armi e molto denaro; ma con questi paesi l’Europa e gli Usa hanno rapporti commerciali ed interessi economici colossali. Da una parte i governi occidentali combattono il terrorismo (o fingono di combatterlo), dall’altro non possono fare a meno del petrolio e delle grandi risorse dei loro sostenitori. Tanto per fare un esempio, vi ricordate che la famiglia di Bin Laden faceva grandi affari con le imprese gestite o compartecipate dalla famiglia del presidente Bush (in primis Bush padre)? Burattini kamikaze che si fanno saltare in aria dopo avere fatto strage di innocenti gridando il nome di Allah invano, e burattinai che non si sporcano mai le mani di sangue innocente ma fanno affari d’oro sul terrorismo. Possiamo provare a difenderci dagli esecutori materiali, ma non potremo mai difenderci dai loro mandanti, tutto il resto è fumo negli occhi.

L’orrore è figlio del potereultima modifica: 2016-03-22T20:19:26+01:00da miclos
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento